paper spam

play this post

volantino_lidlok

il volantino, o flyer, è il re della spam cartacea,

ne sono intasate cassette delle lettere, androni, parabrezza delle auto.

Il 90% dei volantini stampati viene cestinato direttamente senza nemmeno essere guardato (e quelli sulle auto vengono gettati a terra).

Stabilire un’agenda per la riduzione del pubblicitario-cartaceo (carta plastificata, volantini, brochure, affissioni) è uno dei punti programmatici del manifesto di Ecologia Semiotica di Adv Zero (vedi post Adv Zero del 25-2-2013).

Ma non sarà facile. Già nel 2006 il sindaco di Alezio (Lecce) vietava la distribuzione selvaggia di volantini nel territorio comunale. Il Tar di Lecce l’ha prontamente sconfessato.

Poi ci ha provato il sindaco di Sarnico. Il Tar di Brescia gli ha dato torto, indicando nelle motivazioni argomenti di un certo peso come  “la libera iniziativa economica espressa dal volantino”. Simile sentenza dal Tar di Catania.

Da qualche tempo il Consorzio dei Navigli Lombardi, che gestisce la raccolta differenziata di una ventina di comuni dell’hinterland ovest di Milano, ha iniziato una campagna d’opinione (e boicottaggio ) contro i volantini.

Ora, nel giro di pochi giorni, i sindaci di Caserta (6 maggio), Crotone (20 maggio) e Foggia (30 maggio)  hanno emesso ordinanze di divieto del volantinaggio selvaggio.

In realtà i sindaci emettono queste ordinanze esasperati dai danni (e dai costi di smaltimento) causati dai volantini. Come scrive il sindaco di Crotone: “L’obiettivo è di evitare che le strade siano pavimentate con tappeti di depliant e volantini”.

La domanda sorge spontanea: per quale motivo i Tribunali difendono la spam cartacea, invasiva e inquinante? Che interessi tutelano (a danno dell’ambiente)?

Risposta facile: la GDO, la grande distribuzione organizzata, le catene di supermercati,

sono loro i padroni del volantinaggio, e ci spendono 1 miliardo di euro l’anno:

e ogni anno in Italia vengono stampati (e gettati) 12 miliardi di volantini,

una media di 200 volantini pro/capite (equivalenti, in carta, a un paio di libri) che ognuno di noi “getta via” causando un danno ecologico;

ma occorre anche considerare l’aspetto economico, perché è chiaro che alla fine li paghiamo noi, i volantini, quando andiamo a far la spesa,

e dunque questi 12 miliardi di euro di alberi-carta-monnezza significano una spesa annua  di 20 euro a testa (con i quali, di nuovo, avremmo potuto scegliere un paio di libri, che a differenza dei volantini, normalmente si conservano… )

in attesa che il Tar della Campania e della Calabria si pronunci a difesa della libertà d’opinione del 3×2 e del tutto a 1€, potremmo cominciare a distribuire o anche buttare per strada  Shakespeare e Hegel,

e conservare i volantini in libreria.

 

vernissage del vecchio patentato

play this post

mmvp4

ho vissuto l’andare in giro in macchina come forma libertaria, oziosa, inquinante, e già da un decennio mi sento un vecchio rottame,

mortificato dalla sicurezza, umiliato dal navigatore, depresso dal traffico;

ultimamente sono diventato ecologista, ciclista, e uso l’auto il meno possibile;

e nostalgicamente ho cominciato a scrivere le mie memorie d’automobilista,

ricordi, frammenti di un mondo che non c’è più, il regno della meccanica,

oggi scomparso in favore dell’elettronica e della tecnologia digitale,

allo stesso modo, come scrittore di genere, ho vissuto la fine di un’epoca, la fine della narrativa popolare, in favore dei serial e dei reality televisivi,

e tra i creativi di nuova generazione, tutti blogger e designer, con le mie Edizioni Lancio, Harmony, Urania e Segretissimo mi sento un residuato del cartaceo,

così diventa difficilissimo spiegare che più del web dei blog e delle app a me interessa fare ricerca sulla forma foto-romanzo:

basta dire la parola “foto-romanzo” e tutti questi ventenni aspiranti fashion photographer  si dileguano:

prova a parlare di “photographic novel”, mi hanno consigliato;

invece, parlando di tutt’altro  con un fotografo della vecchia scuola,

scopro  che da venti o trent’anni raccoglie scatti fatti in macchina, dal finestrino;

di fatto e senza saperlo da decenni stiamo lavorando insieme e separatamente al fotoromanzo sperimentale del “vecchio patentato”;

per sicurezza ho comunque evitato di usare la parola tabù: “Ti propongo dei testi per la mostra”, ho detto.

(dalla prefazione del catalogo della mostra “Mezzo-corpo-immagine”

50 istantanee di Virgilio Fidanza e 50 note di Leone Belotti

ediz. Lubrina, grafica by Claudio Spini, vernissage mostra:

 sabato 1 giugno h19  photogallery Wave –  Brescia, via Trieste 32 - 

Preview text:

http://calepiopress.it/2013/05/17/memorie-di-un-vecchio-patentato-3/

http://calepiopress.it/2013/04/10/memorie-di-un-vetero-patentato-2/

http://calepiopress.it/2013/03/25/memorie-di-un-vetero-patentato/

Final text:

vogliamo cantare la velocità, inneggiare all’uomo che tiene il volante,

disprezzare la donna, esaltare l’insonnia, distruggere i musei e le biblioteche:

zitto zitto il Manifesto di Marinetti, e non quello di Marx, è diventato realtà.

 

 

 

un fantasma si aggira per l’Europa: l’Italia

play this post

Italia

Un fantasma si aggira per l’Europa: l’Italia.

L’Italia è un fantasma perché la sua storia è quella di un fantasma, una sembianza, un’apparenza. E l’apparenza inganna. L’Italia, la storia dell’Italia moderna, è un caso esemplare di un’identità costruita sull’inganno delle apparenze.

Basta rileggere senza paraocchi le 4 mitologie cruciali della storia italiana contemporanea (Risorgimento, Ventennio Fascista, Resistenza, Made in Italy) per comprendere cosa sia lo stile italiano, e quanto sia storicamente radicato.

Il Risorgimento viene impartito – già dalla parola – come fenomeno morale che si manifesta in episodi esemplari (con specifica denominazione: i “moti risorgimentali”) che fungono da “trailer” di un sentimento nazionale e popolare in realtà inesistente.

La mitologia-mitografia risorgimentale con i suoi testimonial (Ciro Menotti, Silvio Pellico, Carlo Pisacane) i suoi art director (Mazzini, Garibaldi, Cavour) e la sua grande campagna di lancio (“Spedizione dei Mille”) è un grande esempio di costruzione spettacolare di una favola che non c’è:

pochi intellettuali e rivoluzionari professionisti, in esilio, completamente staccati dalle esigenze e dai sentimenti popolari, senza alcun seguito nelle masse contadine, quindi un colpo di stato (la spedizione dei mille) finanziato o organizzato dalle grandi potenze (con l’apertura del canale di Suez, per ragioni chiaramente commerciali, diventava fondamentale avere un’Italia unita e integrata al sistema europeo), quindi trattative in alto loco (ti do la Savoia, mi dai il Veneto) e l’Italia è fatta.

Il Risorgimento, cioè l’atto di nascita del paese Italia, è una grande operazione di falsificazione e costruzione di un patriottismo idealista, strumentale, del tutto inesistente, se non nella testa di qualche aristocratico idealista e qualche sincero rivoluzionario (gli “utili idioti”).

Di fatto: sono bastati 1000 garibaldini ad annettere quasi pacificamente il Sud in due mesi, ma non sono bastati 100.000 soldati e cinque anni di repressione sanguinaria (culminata con la rivolta di Palermo – unico vero episodio di partecipazione popolare del Risorgimento, peccato che fosse anti-italiano)  che nessuno conosce, con migliaia di morti, deportazioni, villaggi incendiati, esecuzioni sommarie a sottomettere quelle popolazioni e regioni che si pretendeva di aver liberato,

e che invece si sono subito ribellate al nuovo stato, appena il nuovo stato ha tradito platealmente le promesse (distribuzione della terra ai contadini, che è invece diventata privatizzazione del demanio a beneficio dei grandi proprietari, e conseguente peggioramento delle condizioni contadine)  fino a  essere sottomesse con la forza, oltre che con la propaganda (e questo reale risorgimento e resistenza del sud italia al nuovo stato nordista viene chiamato “banditismo”,

e qualsiasi storico onesto vi dirà che questo passaggio storico è alla base della questione meridionale, cioè della non adesione del sud al paese, alle istituzioni, e della conseguente diffusione endemica di mafia, camorra, n’drangheta, etc).

Sulla “questione meridionale” hanno poi disquisito (e campato) generazioni di intellettuali e politici, senza mai andare alla radice della questione, chiaramente, perché se qualcuno (lo Stato italiano) ti paga per occuparti di un problema tu non puoi dirgli che la causa del problema è lui (lo Stato italiano).

Col Ventennio Fascista la tecnologia di costruzione dl consenso trova il suo massimo sviluppo: i mass media, l’architettura, la scenografia, lo sport, tutto diventa immagine coordinata e  diffonde in Italia e nel mondo questa nuova mitologia, lo stile italiano, cioè ordine, benessere, civiltà, modernità, ginnastica e tecnologia.

Starace, D’Annunzio, Mussolini: al di là del fascismo, sono i precursori della società dello spettacolo, della pubblicità e delle comunicazioni di massa basate sul consenso verso un sogno, una favola.

Ma la favola si interrompe di colpo, l’apparenza di un paese militarizzato si scioglie nelle nevi, in Grecia, in Russia, lo stivale italiano ha le suole di cartone, il regime costruito in vent’anni crolla in mezz’ora, il re scappa vilmente con tutta la corte (e ha sulla coscienza i martiri di Cefalonia) il paese è occupato da eserciti stranieri:

una catastrofe, una tragedia nazionale, lo stile italiano rivela tutta la sua falsità, è l’occasione per cambiare stile, mentalità, tutto, diventare un paese onesto, consapevole.

E invece cosa accade? Si inventa una nuova favola. La Resistenza!

La Resistenza, con i suoi copywriter (Vittorini, Pavese, Fenoglio) similmente al Risorgimento e al Fascismo mistifica la realtà: accade così che poche centinaia di sinceri antifascisti, e pochi episodi locali di guerriglia, diventino sui libri di storia della scuola dell’obbligo un movimento di massa protagonista di una gloriosa pagina nazionale (con specifica denominazione: “la Liberazione”) che copre la realtà storica, cioè la inenarrabile vergogna nazionale che è nei fatti storici, in certi fatti storici decisivi e davvero esemplari,

come la fuga del re e di tutto la classe dirigente, e soprattutto la guerra civile-macelleria-pulizia etnica: in un mese, maggio 1945, 40.000 morti “gratuiti”, a guerra finita, per lo più uccisioni di pura vendetta, faida, frustrazione, non una pagina onorevole, evidentemente, perché bastava essere additati come fascisti per essere ammazzati per strada, ed è chiaro che allora il 99% degli italiani avrebbe dovuto essere ammazzato per strada, a cominciare da quegli stessi “intellettuali” che questo massacro hanno giustificato e alimentato,

in primis il mostro sacro Vittorini, che dopo aver passato venti anni a far carriera come intellettuale squadrista e fascista con un colpo di spugna rinasce antifascista comunista e sanguinario: i suoi scritti incitano ad ammazzare “i fascisti” perché ci sono “uomini, e no” e i fascisti non sono uomini, sono solo “figli di stronza” .

Non solo nessuno gli rinfaccia il clamoroso voltafaccia ma tutti lo riconoscono e acclamano nuova guida morale del paese, e infatti dirigerà la più importante casa editrice italiana.

E’ l’esempio del trasformismo sfacciato dell’intellettuale italiano.

Oggi vediamo  l’ultima versione di questo tipo nella generazione dei sessantottini trasformatasi nella classe dirigente pubblicità-giornali-televisioni della società dello spettacolo.

Quindi, quando oggi celebriamo l’Unità d’Italia e il Made in Italy, stiamo celebrando questo, l’incredibile sfacciataggine e capacità  di imporre apparenze ad altissima percentuale di falsità aggiunta: e questo carattere, questo stile italiano, è costitutivo dell’identità e della storia nazionale, sia delle due grandi mitologie fondanti, Risorgimento e Resistenza, sia della mitologia “rimossa”, il Fascismo.

Il Risorgimento, propagandato e imposto come risveglio della coscienza nazionale e di valori come unità e indipendenza, nasconde la feroce repressione (brigantaggio) seguita a un colpo di stato (spedizione dei mille) finanziato dalle potenze straniere e realizzato da quelli che oggi chiameremmo terroristi o mercenari.

La Resistenza, propagandata come rinascita civile e di valori come libertà e democrazia, nasconde la vergogna del voltafaccia e della pulizia etnica per non affrontare la vergogna di un paese opportunista, codardo, vendicativo e servo del potere.

Poi cosa succede? Come si arriva al Made in Italy? Siamo nel 1945, l’Italia è un paese vinto, distrutto, occupato dagli Americani.

Succede che gli Americani hanno capito perfettamente cosa sia e a cosa serva lo stile italiano. E’ l’avanguardia di comunicazione del consumismo: diventerà il modello, l’immagine della democrazia del benessere, filoamericana.

E dunque niente sanzioni, niente punizioni, niente esame di coscienza collettiva e ricostruzione morale, ma invece: palate di dollari, ovvero: il piano Marshall, e la Thompson.

La Thompson è stata la prima agenzia pubblicitaria a lavorare sul mercato italiano, è subentrata direttamente al Minculpop: la Thompson è sbarcata a Salerno nel 43’, come ufficio stampa dell’esercito americano, poi diventata ufficio stampa del piano Marshall, poi prima e unica agenzia pubblicitaria ad operare in Italia nel momento del boom economico.

E quindi: la repubblica italiana nasce col piano Marshall, ed è fondata sulla pubblicità.

Soldi che piovono dall’alto. Un colossale investimento pubblicitario. A una condizione: niente comunisti al governo.

Ecco il paradosso, il capolavoro: proprio mentre si sventola una repubblica basata sull’antifascismo, con il più forte partito comunista di tutto l’Occidente, con intellettuali comunisti al comando nei giornali, nelle case editrici e nelle università, invisibile, reale, permane la condizione-cappio: niente comunisti al governo.

Da qui, come tutti sanno, la strategia della tensione (piazza Fontana, piazza della Loggia, treno Italicus, sequestro Moro, stazione di Bologna) cioè una serie di stragi (veri e propri avvertimenti) che arrivano puntualmente ogni qualvolta si presenta il pericolo che la sinistra vada al potere,

esattamente come accade in una classe di bambini dell’asilo cui viene promesso un premio, un premio che non arriva mai, e non per colpa della maestra, ma perché c’è sempre qualche bambino che all’ultimo momento combina un guaio, e rovina tutto.

Ecco lo stile italiano.

L’Italia contemporanea, la Repubblica, è un soggetto incerto e impotente per questo motivo, questo Economic Recovery Plan, questo “regalo”, questo “potlach” che ci ha reso succubi prima dell’economia e poi della cultura commerciale americana.

Lo stile italiano, cioè la capacità di costruire apparenze, trova la sua nuova ragione d’esistere nella moda  e nel design, e diventa in tutto il mondo il vangelo del consumismo vistoso e dello snobismo di massa.

Berlusconi, con la guerra dell’etere, porta a compimento questo tracciato, schiantando la “resistenza” cattolica e comunista: fino alla fine degli anni Settanta, per accordo catto-comunista, erano vietate le pubblicità dei beni di lusso, ed erano considerati beni di lusso tutti quelli non alla portata delle tasche proletarie.

Al Carosello vedevi il caffè, la pasta, il detersivo, non le auto di grossa cilindrata, non le pellicce.

Se non ci fosse stato prima il piano Marshall e poi Berlusconi, avremmo dovuto fondare il made in Italy sul lavoro (o sulla tecnologia vera, come ha fatto il Giappone) mentre l’abbiamo fondato sui debiti e sulla pubblicità.

Basta guardare le cifre per vedere che siamo il paese che proporzionalmente al nostro PIL è sempre il primo al mondo per spesa pubblicitaria e l’ultimo per livello d’istruzione.

L’Italia non è una repubblica fondata sul lavoro e sulla resistenza. L’Italia è una privativa basata sulle apparenze e sul trasformismo. La sua storia lo dimostra.

Per un paese che già nell’Ottocento è stato capace di vendere un colpo di stato con conseguente repressione militare (cioè: la tipica nascita di un regime) come un’epopea eroica di patriottismo e più tardi, nel secondo dopoguerra, è stato capace di vendere, in pacchetto completo, venti anni di consenziente servilismo di massa culminati in un mese di pulizia etnica come eroica resistenza antifascista, per questo paese, è stato un gioco da ragazzi vendere il Made in Italy, lo stile italiano, è chiaro:

puoi falsificare la tua storia cambiandoti d’abito, noi lo sappiamo fare, noi siamo i numeri uno, noi ti diamo gli strumenti per governare l’apparenza e creare realtà ingannevoli.

Tu sei avido, invidioso, vile, disonesto, incapace, bramoso, ridicolo, furbo, vorace, ignorante, ottuso. Ti rivolgi allo stile italiano.

Diventi sofisticato, intrigante, sensibile, elegante, colto, seducente.

Ha funzionato per trent’anni. Adesso è finita. Serve una nuova favola.

tratto da “Lo stile italiano” by Sean Blazer (alias Leone Belotti) - Calepio Press

 imago: Biennale di Venezia, padiglione Italia, 

biblica erotica – ecce mulier

play this post

816-Tintoretto4

Et ecce mulier, quae erat in civitate peccatrix

ut cognovit quod accubuit in domo pharisaei

attulit alabastrum unguenti 


et stans retro secus pedes eius flens

et lacrimis coepit rigare pedes eius

et capillis capitis sui tergebat,

et osculabatur pedes eius

et unguento ungebat.


Ed ecco una donna, una peccatrice di quella città,

saputo che si trovava nella casa del fariseo,

venne con un vasetto di olio profumato;

e fermatasi dietro si rannicchiò piangendo ai piedi di lui

e cominciò a bagnarli di lacrime,

e li asciugava con i suoi capelli,

e baciava i suo piedi

e li cospargeva di olio profumato.

Biblica Erotica by Leone XIV –  Magdala – Luca 7, 37-38

imago: Maria Maddalena by Jacopo Robusti, alias Tintoretto

sono un nazista in bicicletta

play this post

touring_bike_rohloff

questo post è uno sfogo, è uno sfogo politically scorrect.

io sono così, o almeno, vorrei essere così:

oppure sono (vorrei) essere così:

e questa è l’unica america che amo:

e l’europa:

quando avevo una decina d’anni (nell’82), mio padre mi regalò due cose: una bicicletta, e un computer.

sarà stata l’età dell’imprinting, sarà stata la scelta azzeccata, ma queste due cose hanno condizionato la mia vita.

sul computer non approfondisco, con l’opensource mi ha aperto la testa, ne ho fatto una professione, una fede, una politica, senza fame e senza andare controcorrente, alla faccia di quello che diceva quella merda umana di steve jobs.

mio padre è stato uno dei primi ecologisti in italia. dio solo sa quanto io ami mio padre. mio padre era uno di quelli che negli anni settanta ascoltava mao e urlava contro alla società italiana (mondiale) che la produzione senza regole era il male.

mio padre si occupava di ecologia quando l’ecologia era una bestemmia per quei mostri (sì, mostri, non nostri) industriali come il minchia supremo agnelli giovanni senior finto avocato.

allora nessuno ascoltava quelli come mio padre, ovviamente. allora si diceva: la produzione prima di tutto, i comunisti vogliono solo fermare il mondo.

oggi qualunque pubblicità per vendere una macchina parla di ecologia.

mio padre aveva i soldi per scegliere e regalarmi la migliore delle motocross per bambini in vendita allora da quelle ditte figlie di puttana che ancora oggi, sulla soglia del fallimento, propongono motori a scoppio per poppanti.

e ovviamente mio padre non mi ha mai comprato una moto, nonostante le mie preghiere, i miei desideri, i miei occhioni lucidi che lo guardavano, e guardavano avidamente ‘sti piccoli mostri che sgommavano e spargevano odore di olio e benzina incombusta e distruggevano sentieri in val seriana con i propri padri a cavallo di enduro miniaturizzate.

io sono diventato nazista così. amando mio padre, e odiando queste persone campioni di ignoranza che insozzavano l’aria e distruggevano i sentieri e la natura dei luoghi più cari a noi bergamaschi.

oggi ho quarant’anni, e sono un nazista naturalista contro l’ignoranza della gente.

io sono un nazista.

sono uno che quando va in giro in bici vorrebbe tirare cazzotti attraverso i vetri delle macchine che lo circondano.

sono un nazista contro gli ignoranti che hanno sgobbato una vita per comprarsi un motore. sono un nazista che non accetta nessuna discussione, nessuna opposizione al fatto che oggi si debba rinunciare ai motori.

l’eco di bergamo, uno dei giornali più retrogradi, ignoranti, bigotti, bugiardi (per dirla con il nomignolo che gli ha dato il popolo), ancora oggi ha il coraggio di pubblicare  articoli in cui parla male delle biciclette perché i ciclisti passano col rosso e non rispettano le strisce pedonali.

che tristezza.

che ignoranza.

che schifo.

sono un nazista perché ho passato una vita sperando in un riscatto dell’umanità, perché ho aspettato gli ultimi trent’anni della mia vita per vedere l’umanità andare in una direzione ben precisa, per me (e non solo per me) ovvia.

e invece una minchia di niente.

e invece ho assistito a vent’anni di berlusconismo dopo cinquant’anni di democrazia cristiana.

è ovvio come il pane che la scuola meriterebbe tutti i nostri soldi per formare una nuova generazione di italiani colti e migliori di quello che siamo noi, perché è solo con l’istruzione che si migliorano le prospettive di uno Stato, ma ogni volta che gli italiani sono chiamati a votare scelgono i partiti che dichiarano guerra alla scuola pubblica, che dicono che i soldi servono per altro prima che per insegnare ai nostri figli qualcosa.

gli italiani hanno scelto un pedofilo puttaniere mafioso ladro, piuttosto che qualunque alternativa onesta e intelligente gli si presentasse di fronte al naso.

e allora marcite tutti nella merda che c’è nel vostro cervello.

e allora che il modo vada a fanculo per volontà vostra. non mia.

sono nazista.

federico

e per finire i migliori, che avevano previsto tutto, e ovviamente in questo mondo di merda sono morti come sempre capita ai migliori:

e la gioventude:

e la storia:

P.S.: tutto quello che ho scritto non ci sta in un post di facebook, e tantomeno in un fottutissimo twitt da 140 ridicoli caratteri. questo dovrebbe far pensare. lasciate i social e tornate ad occuparvi dei vostri blog. prima che i social lascino voi.

SEO, CEO and WEB

play this post

SEO Perfect Company

So a CEO, a web programmer and an SEO expert are on a desert island.

And the SEO expert says, “You guys, I’m so thirsty. Is there anything to drink?”

And the CEO says, “I just drank the last of my water 30 minutes ago.”

And the web programmer says, “I have plenty of water, a true abundance, but I won’t give any to you. Because, you are the worst. I hate you with every fiber of my being. Your very existence is an inherent refutation of the basic concept of quality workmanship and craft. Every additional second you remain on this planet is a deep, personal offense to me.”

Then the SEO expert died slowly and painfully of thirst, and over the next several days his body slumped, shriveled and shrank as his organs collapsed upon themselves with a hissing sound while the CEO and web programmer sat and stared.

And the sun set, and rose, and set again.

THE END

posted 2009 by Federico Carrara – http://ammmore.federicocarrara.it/ 

mangiar da cani

play this post

piaio

posto da favola per mangiar da cani,

si chiama osteria del piajo, vista spettacolare,

animali domestici ammessi, cameriere che abbaiano,

antipasti decenti, primi passabili, secondi banali,

dolce immangiabile (meringata insapore appena tolta dal freezer)

pane immangiabile (duro, secco, vecchio)

tutto indigeribile causa karaoke spaccatimpani

con annessa comitiva di interisti (!!!) stonati e superciuk,

sul menu indicati “vini val caleppio” con 2 p,

(come se nel salento ti proponessero i vini del sallento

e nell’oltrepò i vini dell’oltreppò)

se vai sul sito osteriadelpiajo.com bellissime foto

ma se se clicchi “home” ti dice “not found”, non trovato:

esatto, meglio perderlo che trovarlo!

dai, piajo, datti una regolata, una serata storta può capitare,

ma in futuro evita di mettere insieme famiglie che festeggiano la cresima dei figli e interisti caciaroni che cantano pazza inter a squarciagola, una cosa davvero vomitevole,

e poi correggi il menu, il pane, il dolce, il sito,

che tra qualche mese torno a vedere.

(the upper dog upper gourmet) 

adv controspot 2013

play this post

baci580

L’ho conosciuta per caso, in giro, ed è stato subito feeling, poi dopo qualche giorno sempre per caso la rivedo e allora le dico: «ti vedo deperita mangi poco, andiamo a mangiare una pizza in città alta in un posto che so io, micetta?»

come fai a dire di no? e infatti mi monta in macchina, e dopo dieci minuti siamo sulla corsarola mano nella mano come due piccioncini

vado da mimmo, chiuso, vado da franco, chiuso,

alla fine vado al sole, che è in eclissi da anni,

appena entri ti dà questa bella idea di duty free shop albanese in bulgaria, anche con il corner montenegro, i muri scrostati, il cameriere unto, la lampadina osram che tira gli ultimi, e la pizza che fa schifo, e il prosecco sgasato e tiepido, non un bell’inizio,

usciamo, le faccio fare la scansione portabene delle tre palle del Colleoni sulla inferriata dell’omonima cappella, dal lato sn a ds, poi scendiamo da porta s.giacomo e al primo approccio, primo bacio, non ci stacchiamo più,

«dormiamo insieme?» «…si!»  

non mi sembrava vero

nell’agitazione prendo la macchina, nell’uscire dallo stop faccio una svolta vietata, mi trovo un tipo nella fiancata che vuol fare la constatazione amichevole, va bene,

mi dirigo verso nh hotel 4 stelle, non pensando che non avevo soldi, quando c’è l’amore non pensi più ai soldi,  avevo in tasca 140, costava 180,

«pago io» dice lei,

in camera mentre lei va in bagno io sono già senza mutande in grande aspettativa sul lettone immacolato poi mi giro sul fianco e vedo un virgolone marrone che sembra proprio  quel che sembra, una sgommata,

in quel momento lei esce dal bagno e vede il virgolone, e la mia chiappa sporca, allora vado in paranoia e in imbarazzo, un imbarazzo merdoso che fa irrigidire tutto tranne il membro esterno, che in caso di merda si mette giustamente in sciopero,

faccio la figura di quello che si caga addosso, e penso che mi mandi a cagare, e invece no, la micetta sta con me anche nella merda, questo è importante, strappa il lenzuolo e lo butta in un angolo,  e passiamo la notte in bianco, vicini vicini, sul materasso,

all’alba infilando i jeans si svela il mistero del virgolone:  

pensavo fosse merda, era un bacio,

un merdoso bacio perugina che mi ero dimenticato in tasca nei jeans dove si era anche un po’ sciolto e poi nell’entusiasmo dello sbragarmi lanciando i jeans per aria era finito spatarrato sul lenzuolo proprio sotto le mie chiappe

le leggo il bigliettino: un bacio è una magia che tinge di rosa anche la notte più nera,

certo, ma a volte  colora di merda anche il lenzuolo più bianco:

alla perugina gli va bene che mi stanno sui Colleoni gli avvocati

ma un trauma così non c’è psicologa che me lo possa rimuovere

ormai mi basta vedere il blu e argento dei baci perugina per sentire l’alone del virgolone che sale  dalla mutanda.

Storyboard presentato  da Massimo Forlini, detto Lini (già sceneggiatore del fumetto “Il paninaro”, agente del pittore Stefano Caglioni e dello scrittore Max Rebelòt. ) al concorso AdvZero “controspot 2013″, idee per pubblicità al contrario (requisiti: lo spot deve essere 1) una storia vera 2) denigratoria verso il prodotto).

lini

 Nella foto: Lini gaudente  con amiche.

 

100 anni senza una risata

play this post

Potafiga2013

storia surreale, e vera, di giovani e vecchi, in 3 atti:

antefatto, scandalo, paradosso;

antefatto: in occasione dei suoi primi 100 anni una gloriosa squadra di calcio della valle seriana promuove una mostra collettiva d’arte contemporanea dal titolo “Gioco d’artista” e invita pittori, fotografi, scultori e performer a creare un’opera ad hoc e a condividere il nobile intento di donare il ricavato alla casa di riposo.

scandalo: ricevuto l’invito, vado a dare un’occhiata al sito web,

e tra uno sponsor e l’altro, trovo questo gesto, questo sberleffo nella foto ufficiale della squadra juniores, dove uno dei ragazzi si esibisce in un gestaccio,

subito lo mostro ad Athos Mazzoleni, dicendo: “eccolo qui il gesto artistico, la bravata del giovane calciatore che con un segno indecente e atavico reclama il massimo bene, la massima autenticità,

il goal, la figa, i sogni, la gloria, e giocare in squadre di un certo rango, come il Benfica e il Botafogo, ecco lo spirito del Potafiga Fubal Club!”  A questo punto occorrerebbe un gesto grafico, un intervento per significare questa autenticità originaria del calcio pota-figa-goal, lontano anni luce dal calcio-business “recitato” in tv da calciatori, addetti stampa e sponsor.

E così Athos prende il mouse, e crea un cartellone “spazio libero” sul soggetto in questione, a contrasto con i cartelloni degli sponsor. L’opera “Spazio libero” può dirsi nata. Genere: poster d’artista.

Poi, considerando la richiesta di donare eventuali ricavati alla casa di riposo, decidiamo di stamparne in quantità, opera multipla,

perchè tutti, giovani e meno giovani, possano avere con €5 il poster del Potafiga Fubal Club, da appendere  insieme alla   squadra del cuore, appena più in basso, e contribuire così all’iniziativa benefica.

Con grande entusiasmo, prima di andare in stampa, contattiamo la società per concertare l’operazione, che è un’operazione “ironia-beneficenza”, e magari trovare un appoggio tra i tanti sponsor della società. Invece: scandalo! La “provocazione è troppo pesante”.

Sia il fotografo, che ha scattato l’immagine, che il web master, che l’ha inserita nel sito, in tutti questi mesi non avevano notato il gesto, e tantomeno i dirigenti della società.

Ci viene chiesto di “fare qualcos’altro”. Cioè: un presidente di una squadra di calcio di paese  chiede a un artista che ha esposto alla Biennale (Athos Mazzoleni) di “fare qualcos’altro di meno offensivo”.

Paradosso: realizzare a scopo benefico un’opera giocosa ad hoc, per una mostra dal titolo “gioco d’artista”, e riuscire a farsi censurare dalla società stessa che ha organizzato la mostra e ti ha invitato a partecipare,

se sei un artista hai licenza di prendere in giro chi vuoi, anche violentemente, Berlusconi, il Pd, il Papa: ma non ti permettere di toccare il calcio, nemmeno con affetto, tantomeno con ironia, stiamo scherzando?

Ad ogni modo, abbiamo eliminato il titolo “Potafiga Fubal Club” e rinunciato all’edizione multipla (denunce ne abbiamo già abbastanza). Al momento non sappiamo ancora se l’opera sarà esposta.

L’inaugurazione della mostra “Gioco d’artista” sarà domani sera,

venerdì 24 maggio 2013 alle h20.30 al Centro Cultura di Nembro,

è previsto un ricco buffet di alto livello, e anche artisti di un certo nome (Ugo Riva, Claudio Granaroli, Paolo Facchinetti)

dunque accorrete numerosi, ma niente sorrisini, mi raccomando,

il calcio è una cosa seria, ufficiale, come la cultura e l’arte!

(Imago: Athos Mazzoleni e Leone Belotti “Potafiga Fubal Club 2013” )

2013-05-24_A3FR_GiocoDArtista_web

un’impresa da Nullo

play this post

NulloChe

Quando le autorità intercettano le lettere, è l’ora di posare la penna, e impugnare le armi.

Non serve Wikipedia, non basta Facebook per scoprire il padre, l’idolo di tutti i rivoluzionari moderni – Lenin, Mao e Che Guevara compresi – l’inventore dell’armata rossa, “il più bello dei mille”, il più incosciente, il più garibaldino: Francesco Nullo.

Per accedere al profilo Nullo, occorre qualche megabyte di follia, e la connessione lenta, occhi chiusi, capacità di regredire, e  risvegliare “lo spirto guerrier ch’entro mi rugge” per tornare a quei giorni, quell’anno diventato un programma, il 48.

Avere vent’anni e il futuro davanti, l’azienda di famiglia, e mollare tutto, a Milano al galoppo, sulle barricate delle cinque giornate: se la vostra coscienza vi dice di andare, andate! Si tengano i loro titoli, noi mostreremo quello che siamo!

Ferito, arrestato, liberato, eccolo tornare all’azienda, renderla florida, poi di nuovo a combattere, con i Cacciatori delle Alpi, cioè a “inventare” la moderna guerriglia partigiana,

quindi leader dei Mille, promotore dell’impresa e creatore delle camicie rosse divenute la divisa di tutti  i rivoluzionari (tinte a Gandino, con il rosso scarlatto usato per i paramenti sacri, e confezionate in S.Orsola, dalla fidanzata Celestina Belotti).

Più di 300 dei Mille erano bergamaschi, arruolati da Nullo in città alta, al Caffè del Tasso, ma il cuore dell’impresa è la Compagnia di Ferro, ottanta ragazzi, tutti studenti o artigiani, età media 22 anni.

Quel giorno a Calatafimi  la battaglia è ormai persa, la spedizione un fallimento, ma Nullo non ci sta, esce dalla trincea, e urla: Bergamasch, tocc inturen a me!,

e con una carica alla morte, ecco la Compagnia di Ferro fare breccia, e ribaltare la storia.

Poi, fatta l’Italia, fatto l’inciucio, Nullo poteva fare il ministro, l’eroe, il notabile, e invece no, disgustato dai Savoia, dalla politica, eccolo partire per un’altra guerra, proprio come farà Che Guevara,

contro i cosacchi, alla guida dei Legionari di Polonia, e morire così com’è vissuto, lanciando una carica impossibile, al grido libertà o morte!

Lo spirito Nullo è tutto in queste due scelte:  mollare tutto per amore della libertà, e non mollare quando non ti resta nient’altro che quella.

Quando il governo vedrà che volete, non oserà più insultarvi e schernirvi. Non ristate muti giovani italiani, alzatevi con voce potente!

FRANCESCO NULLO, 1826-1863,

(testo Leone Belotti/Calepio Press – imago: studio Temp per CTRL)

poscritto/retroscena “un’impresa da Nullo”:

far incontrare, o scontrare,  cultura alta, accademica, vetusta, e cultura underground, pop, giovanile è il vero lavoro degli operatori culturali:

l’idea di presentare e raccontare Nullo come icona ribelle-giovanile

è stata condivisa dapprima dai miei amici-collaboratori Calepio-Press e quindi dai miei vicini di redazione del magazine cartaceo CTRL,

piccola testata freepress indipendente di grande diffusione nel target teenager-ventenni,

che pubblica questo stesso testo come cover story del n. di Maggio.

A suo tempo, mesi orsono, sia Calepio Press che CTRL, separatamente e senza conoscersi, hanno presentato al Comune progetti di comunicazione vera, senza muffa, per tradurre i grandi personaggi storici bergamaschi nel linguaggio contemporaneo,

cioè nel web, sui social, nei luoghi di ritrovo, dove si fa musica, arte, grafica, design, immagine,

parliamo di progetti di nuova concezione, non pensati semplicemente per spendere soldi pubblici con iniziative ingessate (il libro accademico, la conferenza accademica, le celebrazioni ufficiali) ma vere e proprie start-up, in grado di coinvolgere gruppi, comunità, aziende, locali, attivando blog, producendo t-shirt, organizzando serate, concerti, happening,

il Comune non ha degnato di alcuna attenzione o risposta seria né Calepio Press, né CTRL, e tantomeno i progetti presentati,

liquidati come “bellissimi progetti, purtroppo non ci sono soldi”.

Strana risposta per idee che chiedevano in primo luogo spazi,  collaborazioni, opportunità.

Poi accade che in puro spirito inciucio la giunta di centrodestra sovvenziona (ma non avevan detto che non c’erano soldi?) una “parrocchia” culturale di sinistra, come l’Isrec (centro studi sulla Resistenza)

che in modo piuttosto opinabile (e sciatto) mette in piedi la sua propaganda di Nullo come antifascista ante-litteram, corredata da opera-performance (non realizzata) dell’artista di nome (Longaretti, il nipote) e polemica finale, con tanto di interpellanza dell’antifascista di nome (Bruni, il figlio) contro la Giunta, rea di averli… sovvenzionati

(testualmente, dal comunicato stampa Isrec: “Isrec si è trovato nell’assurda situazione di essere stato incaricato di gestire progetti sovvenzionati dal Comune che, però, durante le celebrazioni effettivamente compiute, non hanno avuto nessuna attenzione, seppure in programma”).

Da ridere, e anche da incazzarsi, se pensi che usano i soldi pubblici per lamentarsi delle cose che non hanno saputo fare (con i soldi pubblici).

Morale della favola: le iniziative sovvenzionate dalla giunta e realizzate dall’opposizione si sono risolte in beghe di potere interne al palazzo, e hanno avuto risonanza pubblica zero, partecipazione zero e capacità zero di fare “vedere” Nullo alle giovani generazioni;

la cover story CTRL-Calepio Press, considerata zero e sovvenzionata zero dal Comune, ha raccolto migliaia di consensi on line, e non solo:

il prestigioso Post, il più grande sito d’opinione in Italia, l’ha inserita tra le 10 migliori copertine in edicola in Europa (le altre: Wired, Time, The Economist, Vogue, Paris Match, Le Nouvelle Observateur, Vanity Fair, The New York Time Magazine)

che sarebbe come prendere la stella Michelin per una piccola trattoria di quartiere aperta da quattro amici in due stanze:

ignorati nella piccola città, si coprono di gloria a livello internazionale! un’impresa da Nullo!

davvero un peccato non poter vantare su questo trofeo il patrocinio del Comune di Bergamo o del comitato Bergamo2019…

e pensare che saremmo stati onorati di poterlo utilizzare anche senza alcuna sovvenzione…

per la prima volta nella mia vita mi sarebbe piaciuto poter scrivere parole come “un ringraziamento particolare all’assessore alla cultura, a quello delle politiche giovanili, a quello del turismo, al presidente dei commercianti, degli artigiani, al vescovo”

invece dico grazie ragazzi a Athos, Federico e Paolo Massimo e a Matteo, Nicola e Francesca di CTRL, e va bene così.  Leone