un uomo non è un totem

play this post

totemust

ciao claudia chi ti scrive è lo spirito del vecchio vù cumpra

per chiederti di togliere i totem con la mia immagine

ho saputo che molte persone ti hanno già fatto questa richiesta ma non hai ancora risposto a nessuno

ho saputo che questi 100 totem sono costati 500 euro l’uno

ho saputo che per 3 volte sono stati sostituiti per un totale di 150.000 euro

ho saputo che fotografare persone con in mano un cartello serviva a dare l’impressione della partecipazione della gente al progetto

ho saputo che pochi giorni dopo essere stati installati non avevano più senso perchè il progetto è stato bocciato

devi sapere, cara claudia, che quando mi hanno messo in mano questo cartello con quella frase, per dare l’idea di una cultura senza frontiere, avrei preferito raccontare la mia storia,

devi sapere che vivere il territorio per me non significa fare escursioni turistiche ma rischiare la vita e perdere la dignità per un pezzo di pane

devi sapere che quando avevo nove anni i signori della morte hanno fatto a pezzi tutta la mia famiglia, a dieci anni avevo un fucile in mano, a dodici ero in un campo profughi dove intorno a me i bambini morivano di dissenteria

devi sapere che ho fatto dieci anni da schiavo in una piantagione e poi altri cinque in miniera

devi sapere che sono scappato inseguito dai cani e dalle pallottole

devi sapere, quando mi metti in mano un cartello con scritto che la cultura è vivere il territorio,  che ho attraversato la giungla, la savana, il sahara, il mediterraneo su un barcone, e molti miei compagni sono morti di sete, altri annegati,

arrivato in italia sono stato trattato come una bestia e l’unico lavoro per me dopo aver attraversato mari, continenti e deserti e imparato quattro lingue è vendere collanine e fuggire dai vigili,

oggi la mia vita vale meno di un totem di plastica con sopra la mia immagine

devi guardare in faccia un uomo prima di usarlo come testimonial della cultura e del turismo

devi sapere che la cultura di un vecchio vù cumpra si chiama terrore, fame, sete, umiliazione, solitudine e sguardi di disprezzo o di commiserazione

devi sapere che la vita non è un fumetto

devi sapere che un uomo non è un totem

One thought on “un uomo non è un totem

  1. Claudia è evidentemente claudicante: i totem servono per sorreggerla.
    Non può correre con né con la fantasia né con l’immaginazione, figuriamoci con l’intelligenza.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>