librai indipendenti?

play this post

fiera-librai-bg-16-apr-1-magLa locandina recita: “I librai indipendenti di Bergamo ospitano i vincitori dei premi Nobel, Campiello, Strega, Bancarella e Grinzane Cavour”.

Trovo questa frase tragicamente comica.  Compagni librai, qui la contraddizione è troppo marcata. Come fai nello stesso tempo a proclamarti indipendente e a vantarti di ospitare i vincitori dei premi di regime?

Il premio Nobel è il padre di ogni forma di lavaggio della coscienza collettiva, ma l’importo è talmente ingente che tutti ne dimenticano la provenienza.

I premi Campiello, Strega e Bancarella sono i più noti e istituzionalizzati premi letterari. Tra questi premi e le case editrici esistono gli stessi rapporti che esistono tra le case discografiche e i festival di Sanremo e simili.

Il premio Grinzane Cavour non esiste più dal 2009, quando è stato chiuso dalla magistratura e i beni sequestrati a causa dei comportamenti illeciti della presidenza, ovvero della gestione clientelare del premio stesso.

Allora, se questo è quello che fanno i librai indipendenti – ospitare i vincitori dei premi main stream, anche quelli andati a male – vuoi vedere che per trovare i nuovi autori, gli scrittori maledetti, le voci dissidenti, i sovversivi, gli esordienti, o anche solo gli autori “perdenti” dei grandi premi, devi andare nelle librerie coatte, di regime, dipendenti dalle multinazionali?

 

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>