uliveto acqua della tristezza

play this post

delpierobaby

Segnalo Uliveto e Del Piero come pubblicità tristezza. Del Piero non gioca a calcio da diversi anni, e da parecchi non veste la maglia della nazionale (dal 2008), eppure Uliveto continua a cavalcare e a prorogare l’effetto scia, la coda della cometa,

e così Del Piero deve ancora esibirsi in stop e palleggi, in mezzo ai bambini, con l’uccellino sulla spalla, e parlargli (con battute come: “tu fai l’arbitro, devi solo fischiare!”).

Uno spettacolo penoso, non sapresti dire chi recita peggio tra Del Piero e i bambini. Sforzato, innaturale, noioso, ti lascia addosso una specie di tristezza, ti comunica falsità, vecchiaia, e a un certo punto anche in mezzo ai bambini ti sembra di essere in una casa di riposo. Sarà anche “l’acqua della salute”, ma ti rovina la salute mentale, l’umore.

La cosa strana è che stiamo parlando di un giovane uomo non stupido, non brutto, non ignorante, non arrogante, già grande campione di calcio, fisicamente in forma e molto ricco: eppure riesce a farti pena, e sei sinceramente dispiaciuto per lui.

In mezzo a questi bambini che evidentemente non sanno chi sia – essendo nati quando era già sul viale del tramonto – è proprio un pesce fuor d’acqua;

Come se i creativi, il brand, il marketing più che promuovere il marchio fossero interessati a svalutare il testimonial.

Il matrimonio Uliveto-Del Piero risale ai tempi che furono (dal 1998!) e forse durerà per sempre. Nonostante la condanna del Giurì come pubblicità ingannevole (nel 2004 e nel 2013) continua a definirsi come acqua della salute. Nella famiglia Uliveto-Del Piero sono comparse nel tempo figure come: una specie di amica o fidanzata, decisamente antipatica, poi una suora, una vicina sexy, quindi un figlio o nipote col quale Del Piero ha complicità anti-donne; e svariati amici-animali come l’uccellino con cui parla, e il cane che lo segue fedele.

In tutti questi contesti, da anni, Del Piero è fuori ruolo, e molto poco credibile.

Vogliono usare Del Piero come figura rassicurante, ma il fatto è che Del Piero non può giocare in difesa; Del Piero è un fantasista, uno che crea, inventa, scatta, non puoi fargli fare quello che sta dietro, rassicurante, non ha nemmeno il fisico;

Del Piero era uno che ti fregava con le finte, la finzione è una dinamica che fa parte del calcio, l’avversario lo superi di forza o d’abilità, cioè d’astuzia, ingannandolo.

Del Piero è questo, è l’amico rapido di mente e di parola, imprevedibile, intelligente, che ti fa fare quello che vuole.

Con Uliveto invece finge di essere quello che non è mai stato, affidabile, sicuro, lento.

Probabilmente Del Piero farà il testimonial per tutta la vita, farà le assicurazioni, le crociere e finirà con amplifon e polident. Però sarebbe meglio che interpretasse sé stesso, il tipo di giocatore che è stato, un attaccante, un fantasista. Con Uliveto ormai è letale, è “out live”, lo dice la parola (uliveto, in anagramma).

Questi ex calciatori sono di fatto, nella realtà, uomini che non sanno cosa fare da grandi, e se interpretassero sé stessi con sincerità e ironia, invece di recitare da bravi ragazzi mortalmente falsi e noiosi a beneficio di mamme e suocere, potrebbero essere molto più persuasivi, e impattare con forza il target del maschio “peter pan”, che ha lo stesso problema di Del Piero.

(imago: Del Piero ragazzino, con la grinta che manca totalmente ai ragazzini dello spot)

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>