3 fiumi, 2 amici, 1 risposta

play this post

3fiumi2amici Ferragosto in bici con un amico in quell’angolo dimenticato di Lombardia dove il Serio, l’Adda e il Po confluiscono l’uno nell’altro. 20 km di ciclabile, e non incontriamo nessuno. Ci fermiamo in un posto fantastico. Pace assoluta. Apro un libro.

Vedeva nemici dappertutto, si circondava di gente mediocre, che non facesse ombra. Se incontrava persone di qualche talento inizialmente le lusingava, chiedeva loro consiglio, ma quando quelle si illudevano di aver conquistato la sua fiducia, le azzannava. Una bestia senza pace, timorosa di essere sopraffatta da una relazione sincera.

Chiudo il libro e chiedo all’amico: ti ricorda qualcuno?

Mi stupisce rispondendo: si, una donna.

 

mia nonna e mia zia

play this post

RIPchiuduno1 Mia nonna aveva più classe, mia zia più fascino.  Mia nonna molto bella, molto dolce, altruista, carismatica. Mia zia bellissima, inquieta, intrattabile, acida.

Ieri sono venuto a trovarle e ho raccontato loro le mie disavventure umane e sentimentali dell’ultimo anno.

Io da sempre cerco una come te, nonna, ma disgraziatamente, nell’ultimo anno, sono stato innamorato di una come te, zia.

Poverino, ha detto mia nonna.

No, ha detto mia zia, io compatisco lei: per voi romanticoni è facile innamorarsi di una bella donna e gettarle addosso la responsabilità della vostra felicità e infelicità. Ma nessuno pensa mai alla solitudine della donna non innamorata.

(photo by Michele Perletti, realizzate per RIP advisor, su CTRL magazine di Agosto)

RIPchiuduno2