10 piccoli interventi per Bergamo

play this post

BGaltaNorthSided

(pagina di appunti ritrovata dalla donna delle pulizie nei corridoi di Palazzo Frizzoni, si invita il consigliere o l’assessore che l’avesse perduta a reclamarne la paternità)

Egregi colleghi, ecco la lista dei 10 piccoli interventi per Bergamo da realizzare con minima spesa e massima resa per fare più bella e accessibile la ns. città:

1)    Bg automobile, appena arrivi a Bergamo dall’autostrada, il brutto traliccio nero dell’orologio, questione annosa, cosa ci vuole per toglierlo? Anche lo sponsor si è tolto, dalla vergogna. Monito alla dismissione dell’inquinamento pubblicitario (pannelli, totem, etc)

2)    Bg automobile, soluzione del pastrocchio viabilistico autostrada/asse interurbano con l’apertura di una nuova uscita autostradale Bergamo Bassa (aeroporto, oriocenter, stadio, valli) mentre l’attuale rimarrebbe come uscita Bergamo Alta (ospedale, città alta, colli)

3)    Bg ciclabile, portiamo le Bigi pubbliche in città alta, sulle mura e sui colli.

4)    Bg ciclabile, dalla stazione di Bergamo la ciclabile della Val Seriana dista duecento inaccessibili metri: sfido chiunque non conosca la città a trovare l’inizio della pista in via David, eppure nell’area ex magazzini generali non manca certo lo spazio per completare la connessione. Questo è solo l’esempio di molti tratti di ciclabili non connesse tra di loro.

5)    Bg pedonale, sistemiamo definitivamente il Sentierone per le manifestazioni fieristiche: attualmente brutti tendoni di plastica o brutte bancarelle-bungalow: invece, pensiamo a come utilizzare, ampliare, estendere, proteggere, rendere funzionale il sistema dei portici piacentiniani, portici in realtà mai usati per quello che sono: è sotto i portici che si crea la vita di una città, guardiamo altre città, pensiamo a bancarelle sotto i portici, a tende che coprano i marciapiedi, in modo da rendere sensato il sistema piacentiniano, o altrimenti abbattiamolo!  Ma evitiamo i tendoni di plastica che trasformano il Sentierone in un “non luogo” qualsiasi.

6)    Bg pedonale, connettiamo l’area musei-gallerie d’arte Carrara-Gamec con il Sentierone, realizzando con interventi minimali il “passante verde” ciclo-pedonale: dal cortile Gamec ingresso diretto al parco Suardi (un cancello da aprire!) dal Parco Suardi alla Monte Lungo (un sovrappasso pedonale) e da questa attraverso i Parchi Marenzi e Caprotti siamo in Via Tasso-Sentierone-Piazza Pontida.

7)    Bg alta, le Mura Venete: imprescindibile  realizzare, cioè aprire, l’anello pedonale completo ai piedi delle mura. Attualmente il percorso sul versante nord c’è già, c’è sempre stato (anche se pochissime persone l’hanno mai percorso (da Colle Aperto giù dal colle fino a porta S.Lorenzo,  e seguendo le mura fino a sotto lo spalto di S.Agostino) mentre sul versante che affaccia a meridione, si tratta di aprire un percorso tra le porte S.Agostino e S.Giacomo (dove inizia via Tre Armi che riporta a Colle Aperto)

8)    Bg alta, la Rocca: aprire l’anello pedonale super-panoramico circum-rocca, un sentiero che corre ai piedi Rocca,  sopra il parco Moroni e l’ex Parco Faunistico (da quanti anni in abbandono dopo la frana/scandalo del maledetto Locatelli parking? Già ormai l’area è diventata un vero e proprio terzo paesaggio) con accessi dalla Fara, dal Pozzo Bianco, da via delle Rocca e dal convento di San Francesco (scaletta del condannato, accesso diretto Mercato Fieno-Rocca)

9)    Bg alta, eco-logistica della consegna merci: oggi le vie medievali e piazza Vecchia sono occupate da grossi furgoni (spesso diesel!)  che squalificano l’aria, lo spazio e l’esperienza “città d’arte”. Definiamo un’area d’interscambio logistica e logica (es. zona Baioni, o vecchio Ospedale) dove tutte le consegne per città alta siano raccolte da una flotta di veicoli ad hoc, piccoli, elettrici, non inquinanti, non invadenti, che siano vettori di qualità urbana, e non deturpatori del centro storico.

10) Bg alta, Seminario, apertura al pubblico passaggio dell’area nevralgica del Seminario, il colle di S.Giovanni: due cancelli da aprire, e via Arena si connette a Colle Aperto e Piazza Mascheroni, creando la possibilità di percorsi (oggi limitati alla Corsarola avanti e indietro) e migliorando la vivibilità della città.

Imago: Bergamo Alta vista da Nord, con sentiero e parco sotto le mura.

Bergamo chiama Bergoglio

play this post

01 Bergamo Alta tar le mura venete

All’epoca in cui si è “rinchiusa” nelle mura, nel 1550, Bergamo Alta aveva 40.000 abitanti. Nel 1950 ne aveva 8000. Oggi ne ha 2000. Come città, è praticamente morta. Come città d’arte, non sta benissimo.

Le città d’arte che pensano di poter vivere facilmente di turismo, molto facilmente poi ne muoiono, vuoi per eccesso, o per carenza:

la bulimia turistica è conclamata quando in un dato luogo esistono solo attività turistiche e di fatto l’unica cosa autentica da vedere è la massa stessa dei turisti;

ne sono colpiti i grandi centri storici come Roma o Venezia, ma anche cittadine d’arte come San Gimignano, Gubbio, Orvieto, Volterra,

l’anoressia turistica, all’opposto, uccide tutti quei centri pur ricchissimi di arte, storia, architettura, e autenticità, ma poverissimi di notorietà, spirito e strutture d’accoglienza.

Bergamo Alta è sia bulimica che anoressica, a zone,

soffre di bulimia la nervatura urbana centrale, l’asse “corsarola” via colleoni/via gombito che collega la cittadella a piazza vecchia e al mercato delle scarpe, ingozzata di turisti, negozi, bar, boutique;

soffrono invece di anoressia, spopolate, totalmente prive di negozi, bar, persone, le direttrici laterali: sia la “dorsale” via boccola, vagine, tassis, solata, rocca, che la “ventrale” via arena, donizetti, s.giacomo; con le piazze angelini, lavatoio, rosate ridotte a parcheggi, cioè dormitori per mezzi meccanici;

ma anche il settore occidentale, che è zona preti (seminario, curia) e il quartiere orientale, presidiato dalle suore (conventi in zona rocca, fara, arena e donizetti) è città morta, chiusa, piena di case vuote, di spazi chiusi, di edifici e stanze disabitate.

Questo a causa di proprietari seconde case assenteisti, come a venezia, ma in gran parte per la presenza del grande immobiliarista, la curia:

parliamo tanto di città alta come di una questione civica, ci si scontra tra destra e sinistra, tra residenti e non residenti, tra commercianti e intellettuali, e così facendo facciamo finta tutti insieme di non vedere, di non sapere, che il senso, la crisi di città alta è una questione cattolica, di civiltà cattolica, di proprietà cattolica,

evidentemente ogni apertura e rinnovamento di Bergamo Alta deve coinvolgere riguardare sovvertire in primo luogo queste aree, questi soggetti (preti, suore, curia) queste strutture (seminari, conventi) che per numero, estensione, qualità e potenzialità ricettiva valgono nell’insieme 10 volte le strutture d’accoglienza laiche (alberghi, pensioni e b&b).

Occorre un grande terremoto dello spirito per riportare alla vita le risorse della città morta, del cattolicesimo possidente, bigotto, tetro,

c’è un solo soggetto, un solo uomo che oggi con un solo gesto può fare il miracolo di liberare la città dalla cappa cattolica e aprirla ai nuovi fermenti, ed è il papa,

questo gesto esemplare chiaramente sarà quello di aprire per sempre, abbattere, il cancello del Seminario in via Arena,

e riaprire la pubblica via e restituire alla comunità tutta l’enorme area della città proibita, e le sue connessioni su colle aperto, cittadella, mascheroni e salvecchio.

La zona più elevata della città tornerà ad essere il quartiere pubblico per eccellenza, come era in origine, quando via arena portava all’arena romana, distrutta nell’800 proprio dalla curia per costruirci sopra il seminario,

e questo mastodontico seminario, oggi vuoto e sterile, se aperto e convertito in ostello internazionale, potrà accogliere studenti, artisti, musicisti, viaggiatori, ed essere l’avamposto della riqualificazione della città come vera città d’arte e cultura,

in questo modo, aprendosi, condividendo e ospitando, la chiesa, la curia potrà dire di svolgere il suo vero ruolo, ecumenico, d’accoglienza,

e la parola “cattolico” riprenderà il suo significato autentico, originario, di “universale, aperto a tutti, accogliente”.

A quel punto non sarebbe più così vergognosa l’etichetta di città cattolica.

Se il clero apre le sue case, esce dal suo isolamento, tutta la città si apre ed esce dal suo isolamento. Una rivoluzione, uno scenario impensabile per la curia bergamasca.

Ma non per quella romana.

Bg 2019/pianoB: progetto Bergomum

play this post

arenaromanaBG

Bergomum (bergamedil)

opportunità per architetti, ingegneri, impresari edili, artigiani, archeologi: le risorse dell’imprenditoria edile per interventi di recupero e valorizzazione beni storico-architettonici.

start: le intenzioni dichiarate della lobby Bg2019 sono quelle di utilizzare l’eventuale budget/finanziamento europeo per “completare le infrastrutture per il turismo”, ovvero ancora strade e parcheggi, utilizzando così la cultura per far lavorare il settore edilizia e realizzare grandi opere assurde come il parcheggio interrato sotto la Rocca (fermo da 5 anni).

up: l’idea del pianoB ribalta la prospettiva e partendo dal valore della cultura crea lavoro per l’edilizia: non nel costruire strade e parcheggi, ma nell’abbattere ecomostri, nel recuperare aree ed edifici di valore, nell’implementazione ecologica di accessi e spazi:  basta posti auto, è il momento dei posti uomo.

Capitale della cultura “oltre le mura”  in 5 interventi:

- arena romana (respect origins ): recupero funzionale per spettacoli all’aperto dell’arena romana di piazza cittadella-seminario con parziale abbattimento del seminario e sua riconversione in ostello/artisti.

Il seminario di città alta è il vero ecomostro, costruito sopra l’Arena romana di Bergamo (cui si arrivava percorrendo via Arena) .

In una capitale della cultura l’edifico pubblico più elevato sarà dunque l’Arena, al suo fianco l’ex seminario sarà un ostello artisti-studenti-viaggiatori, mentre il nuovo seminario cattolico conformemente alle indicazioni di papa Francesco sorgerà francescanamente in una o più cascine suburbane in abbandono, da recuperare all’uopo.

- necropoli longobarda (respect ancestor): recupero della necropoli longobarda di via Porta Dipinta/Viale delle Mura e stop al park interrato (fermo da anni appunto per il ritrovamento di importanti tombe logobarde, personaggi di rango reale, protagonisti della rivoluzione “longobarda”, l’introduzione delle cuciture, sconosciuta ai romani, e dunque dei “pantaloni”, da cui il nome “longo-bardati”.

8roccabergamo

- rocca medievale (respect heroes): stop al park interrato + ripristino parco della Rocca con annesso parco fauna orobica, inserito nel sistema faunistico “parco dei colli” e cintura verde urbana + ripiantumazione degli “alberi della memoria”,

l’idea base del colle della Rocca come acropoli della città è infatti un bosco dove ogni caduto o martire di guerra rivive in un albero per lui piantato (e li hanno abbattuti per fare posti auto per i suv dei vip col pass!)

9skyline

- mura venete (respect skyline): demoliz. ecomostro via autostrada: dopo  l’assurda e inquietante approvazione dell’edificio che taglia la vista a chi proviene dall’autostrada del profilo skyline delle mura, da sempre vera cartolina d’accoglienza della città, oggi la capitale della cultura ha stabilito i nuovi limiti  di altezza (in pratica ha chiuso la stalla dopo che i buoi sono fuggiti 18 metri oltre il piano regolatore che pure c’era).

Una vera capitale della cultura deve dare un segnale forte: e dunque abbattere, e in quell’area fare parcheggi, dove accogliere chi viene dall’autostrada, con ufficio turismo, tram leggero urbano, inizio piste ciclo-pedonali per centro città bassa e alta, etc.

- palazzo littorio (respect space): sede aperta e razionale del Comune e di tutti i servizi sociali/culturali invece dell’aristocratico/asfittico Palazzo Frizzoni.

10palazzolittorio

L’edificio ex palazzo Littorio, capolavoro dell’architettura razionalista, spazio funzionalmente perfetto, da sempre sotto o male utilizzato,

mai accettato, diversamente ad esempio dal palazzo di giustizia di Milano,

è la vera sede del Comune di Bergamo, del consiglio comunale (nell’auditorium, o d’estate all’aperto, in piazza della libertà) e degli assessorati a turismo, cultura, sport, servizi sociali.

Palazzo Frizzoni sia la sede dei capitani d’industia, dei circoli nobili, e di un museo dell’industria bg 800 e 900. L’aula consiliare sia un teatrino di culto (per cittadini e turisti)  dedicato a un genere nobile e autoctono come la commedia dialettale.

1- segue

(abstract da Bergomum, linee di progetto per la trasformazione di Bergamo in città d’arte sostenibile,

Il pianoB prevede 5 aree d’intervento/progetti/iniziative  in 5 anni:

1 Bergomum  – valoriz. opere architettura storica, mura, arena, rocca

2 Berghumus  – coltivazione artisti nel cuore e nei borghi della città

3 Bergheimat  – creazione continua nuove opere d’arte per la città

4 Bergheimer – dignità di veri monumenti per le icone della città

5 Bergomens – infrastrutture ambientali, accessibilità, cintura verde)

 

l’arena romana sotto il seminario di Bergamo

play this post

Anfiteatro_Prima_della_demolizione_XIX_sec_Anfiteatro_Arles_0_Francia_A_Mo_F_Arles2

Riguardo all’archeo-scoop divulgato dal signor Dante A. nel post “Bergamo commedia dell’assurdo” (l’arena romana sotto il seminario) da una prima ricerca abbiamo trovato le seguenti fonti:

> Giovan Battista Rota, “Dell’origine e della storia antica di Bergamo”

pubblicato da Vincenzo Antoine a Bergamo nel 1804,

(disponbile in pdf scaricabile gratuitamente dal sito dell’Università dell’Illinois – USA)

capV – dell’antico anfiteatro di Bergamo:

“Che Bergamo avesse l’anfiteatro, non è da dubitarne.

Il luogo in cui esso era situato anche oggidì si chiama Arena.

Dell’uso di spargere d’arena il campo, affinché assorbisse il sangue, e vi si potesse combattere con piè sicuro, derivò all’anfiteatro il nome di arena.

Sappiamo di certo che alcune città d’Italia e d’oltremonti, Nimes, Arles, Milano, Bergamo, Verona ebbero anfiteatro stabile, cioè di muro.

Si poté costruire in Bergamo un ampio e magnifico anfiteatro, senza far venire di lontano i materiali, trovandosi nel suo distretto cave di pietra e marmo.

Nell’anfiteatro di Nimes, di cui gran parte ancora sussiste, si veggono due mezzi tori sostenenti un architrave a guida di mensole.

Ora vi è da notare che nel luogo medesimo ove era situato l’anfiteatro di Bergamo si sono scoperti tre mezzi tori di marmo, che si conosce essere stati messi in opera a sostenere qualche architrave,

ed è verosimile che molti altri marmi di questa fatta rimangano tuttavia colà sepolti, ove furono guasti o ridotti ad altro uso, ovvero gettati ne’ fondamenta delle moderne fabbriche”

>  dal sito del Museo Archeologico Bergamasco:

“La presenza dell’ anfiteatro è suggerita dal toponimo “Arena”, che conduce ai piedi del colle di S. Giovanni, dove attualmente sorge il Seminario.

È altresì documentata dall’andamento curvilineo di alcuni muri della Cittadella e da alcuni elementi architettonici rinvenuti ai piedi del colle che trovano confronti in elementi simili dell’anfiteatro di Nimes”

> da Lorenzo Quilici “Architettura e pianificazione urbanistica nell’Italia antica” pubblicazione CNR, Roma 1997 , pag.206 :

“… danni ingentissimi ha causato l’erezione del Seminario, vero e proprio caso di brutalità edilizia che ha portato alla distruzione di tutti i resti venuti in luce durante i lavori”

                       imago by francesco corni  http://www.francescocorni.com

Bergamo commedia dell’assurdo

play this post

DanteMart

BaDante Care&Writing Agency raccoglie l’invito del comitato Bergamo2019 a formulare idee per Bergamo capitale della cultura: ecco i punti indicati dal signor Dante A., 93 anni, ex insegnante di latino, dall’alto delle Mura Venete, nel corso dell’intervista-tour  S.Agostino-Colle Aperto-Piazza Vecchia- Corsarola (in sedia a rotelle, con l’intervistatore che spinge l’intervistato):

dal baluardo di S.Agostino indicando oltre il Pitentino:

il fatto che da anni gli extracomunitari debbano stare ore e ore accalcati sotto il sole o sottozero in coda fuori dalla Questura, sul marciapiede, è indegno di una capitale della cultura;

da porta S.Agostino, indicando la scaletta della Noca:

la più preziosa risorsa culturale della città, la Pinacoteca dell’Accademia Carrara, chiusa da sei anni per volgari beghe di potere, non può accadere in una città civile;

dal baluardo di S.Michele, indicando oltre l’area verde del parco Suardi:

la più grande area pubblica di città bassa, la Caserma Montelungo, luogo ideale per ogni attività sociale (asili, centro anziani, orti urbani) in abbandono da decenni, non è un segno di cultura urbana;

dalla piattaforma di S.Andrea, indicando la zona pedecollinare della Val Seriana :

avere alle porte della città la più grande e pericolosa industria chimica d’Italia, mi fa paura;

da porta S.Giacomo sollevando il palmo al vicino orizzonte:

avere in città la sede del più grande cementificio d’Italia, mi fa capire molte cose;

dal baluardo di S.Giacomo, levando ad alzo zero l’artiglio con gittata 3000 metri

avere il più trafficato e inquinante aeroporto da turismo-shopping d’Italia annesso al più grande centro commerciale d’Italia, mi deprime;

dalla piattaforma di S.Grata, dando le spalle al panorama, indicando il convento di S.Grata:

avere la città con la più alta percentuale di proprietà immobiliare ecclesiastica nel mondo dopo il Vaticano, è più consono a una capitale religiosa;

dal baluardo di S.Giovanni, indicando la conca d’oro:

la zona più salubre e scenografica della città, l’ex Ospedale Maggiore, luogo ideale per un vero campus universitario, oggetto di speculazione immobiliare,  in degrado e abbandono precoce, mi fa tristezza;

dal baluardo di S.Alessandro indicando il muraglione del Seminario:

Il fatto che le anime belle si dilettino nel passegiare in via Arena, la via “più poetica della città”, senza mai chiedersi perchè si chiami così, mi fa venire voglia di rivelarlo:

perché portava all’Arena Romana di Bergamo Alta, d’impianto simile a quelle di Verona e Arles, sopra il quale  hanno costruito l’ecomostro-Seminario vescovile intitolandolo al Papa Buono:

il fatto che nessuno lo sappia, che nessuno lo dica da 150 anni, mi fa specie;

da via Colleoni (corsarola) indicando il Teatro Sociale:

il più significativo luogo espositivo della città, il Teatro Sociale, sempre stato un luogo magico per mostre, ristrutturato e imbellettato e riportato in vita “così com’era”, mi fa ribrezzo;

entrando in Piazza Vecchia:

l’idea di spostare i libri dalla biblioteca Angelo Mai per usare i saloni per banchetti di nozze, mi fa venire il voltastomaco;

da Piazza Vecchia, dalla fontana del Contarini:

anche solo il fatto che abbiano avuto l’idea di piazzare Mc Donald in Piazza Vecchia al posto dell’Università, mi dà l’ulcera;

da via Gombito, davanti al negozio Kiko:

avere i negozi delle grandi catene commerciali nel cuore di città alta al posto delle botteghe degli artigiani e dei negozi storici, mi fa una pena immensa;

da Piazza Angelini:

il fatto che artisti, musicisti, scrittori di riconosciuto valore internazionale, crepino di fame, o si suicidino, o cambino mestiere, o città, mentre intere genealogie di nuovi e vecchi ricchi  ingrassano nell’ignoranza a dismisura, mi spaventa;

da via alla Rocca: 

la più rappresentativa area storica della città, l’Acropoli, la Rocca con il Parco delle Rimembranze, fatta franare dalla giunta pazza che intendeva scavarci dentro un parcheggio per vip, e abbandonata in stato pericolante da 5 anni, mi fa una rabbia indicibile;

da piazza Mercato delle Scarpe:

il fatto che per loro investire in cultura significhi mettere in piedi una lobby per comprarsi a Roma il titolo di capitale europea, per poi avere da Bruxelles  qualche sbadilata di milioni da convertire in cemento armato e asfalto  per i costruttori amici per fare strade e ancora strade con la scusa delle infrastrutture per il turismo, è un’offesa, un insulto alla cultura;

il turismo per questa gente è l’unico scopo della cultura, capisci,

d’altra parte il sesso è l’unica forma di conoscenza e d’amore che praticano,

nonostante il Papa Buono, Bergamo è oggi una moderna capitale dei vizi dell’ignoranza e dell’arroganza, il gioco d’azzardo, il lusso vistoso, la prostituzione e il suo indotto;

nei condomini in città, nei residences nelle valli, nelle strade della bassa, nei bilocali, nei locali, nei loft

la gente spende 1 per leggere libri, ascoltare concerti, vedere opere d’arte, monumenti storici o musei

e spende 100 per fare sesso a pagamento, consumare droghe, acquistare beni di lusso, vacanze esotiche, giocare a slot machines e gratta e vinci,

capisci, anche un bergamasco come me o come te, se in buona fede, deve ammettere che fare Bergamo capitale della cultura effettivamente è un’operazione culturale,

si, una commedia dell’assurdo.