cascina occupata cascina liberata

play this post

kascina

sabato scorso  50 ragazzi hanno occupato una cascina abbandonata in via Baioni, zona Sace,  armati di un volantino:

“Rivendichiamo il diritto a riappropriarci di questo stabile e di riqualificarlo rendendolo agibile, pubblico, partecipato, socialmente utile e attivo.

… un luogo di incontro e scambio, dove potranno nascere officine di piccolo artigianato e di autoproduzioni oltre a laboratori artistici/culturali e di formazione. Sono benvenuti tutti quelli che condividono le nostre idee, che vogliono partecipare attivamente alle assemblee gestionali e alla riqualificazione del posto. Abbiamo bisogno di una mano da parte di tutti, vi aspettiamo!”

In poche ore i giovani falce/martello in versione vanga/rastrello ripuliscono il posto e lo rendono accogliente, arrivano molte persone, tra le quali il proprietario che chiama  Carabinieri e Polizia.

Dopo una lunga trattativa il proprietario e i 50 precari, disoccupati e studenti trovano un accordo: lo stabile sarà abbandonato entro mezzanotte per evitare denunce, ma c’è la promessa di rivedersi perché il proprietario intervenuto non ha escluso che il cascinale, peraltro in vendita, possa essere usato per le attività del gruppo di dimostranti dopo la messa in sicurezza.

I ragazzi scrivono:  “nel momento in cui abbiamo scoperto che lo spazio non era, come da noi pensato, comunale e destinato ad uso pubblico, ma di privati, abbiamo deciso di concludere l’occupazione la sera stessa.

Il segnale che volevamo dare è stato lanciato: troppi sono gli spazi e le case vuote in Bergamo, spazi che dovrebbero essere restituiti ai cittadini e alla città.

Sono talmente tanti questi spazi che anche il catasto ormai non riconosce più le proprietà legittime”.

I commenti dei lettori de L’eco di Bergamo on line sono: “imbecilli, drogati, andate a lavorare, adesso nel quartiere ci manca solo il centro accoglienza immigrati e gli zingari”.

Molti insistono sulla “ignoranza” dei ragazzi che “non sapevano che fosse privata” e hanno promosso un’iniziativa “autolesionista”.

Io penso che in realtà sapessero benissimo cosa stessero facendo con questa “occupazione per una sera”, “temporary”

come si evince tra le righe dei loro comunicati “volevano dare un segnale” , o forse fare un test per future occupazioni, e i risultati del test sono incorraggianti da un lato (simpatia dei residenti, afflusso di persone, azione che lascia un’impronta costruttiva, non distruttiva)

e deludenti dal lato istituzioni e mass media: prontissimo intervento delle forze dell’ordine, prontissima antologia di insulti dai lettori-commentatori de L’eco on line (che non sono commenti liberi, ma di gente iscritta, che fa centinaia di commenti, quasi dei professionisti…)

il segnale più importante, come sempre, è di tipo semantico:

in futuro, forse, non si dovrà parlare di ex fabbriche o ex cascine occupate, ma di aree o cascine liberate

la parola “occupazione” è vecchia, compromessa, statica,

meglio promettere la “liberazione” ,sia degli spazi, che delle persone:

dichiararsi non “occupanti abusivi”, ma “liberatori di diritto”.

9 thoughts on “cascina occupata cascina liberata

  1. Zio, il volantino diceva anche questo… mi pare che tacerlo sia un tantino paraculo.

    “Ebbene, lo stabile è in stato di abbandono ormai da anni e, dal 2007, è di proprietà del comune che ha destinato il luogo a scopi di pubblica utilità.
    Da 7 anni a questa parte, la pubblica utilità è rimasta una scritta negli archivi comunali: nessuna volontà politica si è manifestata per rendere lo spazio agibile e socialmente utile.

    Mentre vengono spesi 825 mila euro perché Bergamo partecipi alla selezione della Capitale della Cultura, la città reale, quella vissuta quotidianamente dai cittadini, si svuota riempiendosi di
    non-luoghi, prodotti tangibili delle dinamiche di crisi attuali.

    Rivendichiamo quindi, collettivamente, il diritto a riappropriarci di questo stabile e di riqualificarlo rendendolo pubblico, partecipato, socialmente attivo e ‘comune’.”

    Poche palle, se si piscia fuori dal vaso, hai voglia a girare la frittata. Basta ammetterlo e farcisi su una risata. Non muore mica nessuno!

    “ma c’è la promessa di rivedersi perché il proprietario intervenuto non ha escluso che il cascinale, peraltro in vendita, possa essere usato per le attività del gruppo di dimostranti dopo la messa in sicurezza.”

    Questa poi.

    “Occupiamo uno spazio di tutti!”
    “No, ragazzi, questo stabile è mio e se non sloggiate vi denuncio”
    “Ah, ma almeno possiamo affittarlo?”
    “Ok, ma ve lo do anche in comodato, basta chiedere, deh”
    “Il precariato ha trionfato”

    • se mi chiami zio, ti dico: hai ragione nipote (nipote di un paraculo, quindi doppiamente paraculo)
      anche a me la vicenda pare grottesca, da film di ferrario, tra il poco riuscito il comico il commovente e l’ecce bombo,
      + continuo a sospettare, ma è pura illazione, che sapessero benissimo (magari non tutti) quello che stavano facendo
      + vedo già l’applicazione marketing “occupazione temorary”:
      > veniamo a fare le pulizie in cambio ci lasci fare un festino

      • Zio, non ho detto “è da paraculo”… ed in ogni caso non esiste l’ereditarietà della paraculaggine, figurarsi per linea dinastica zio-nipote. Comunque, specchio riflesso, manco all’asilo.

        Per il resto, la formula “pulizie in cambio di parties” già funziona, di sicuro successo.

          • si, e mi viene anche in mente “la rivoluzione la fai sempre in nome e per conto della borghesia”, e anche i famosi “utili idioti” (così definiti da Lenin)

      • Zio scusa se te lo dico, mi stai molto simpatico ma come esegeta spesso sbagli la mira! Ho commentato qui sotto perché la circostanza mi pareva buona per fartelo notare, per il resto avanti con passione, buona serata! ;)

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>