la messa-convegno Bg 2.035

play this post

italcementi-ilab-kilometro-rosso-ferrettiblog

Ieri seguendo la religione del nostro tempo, l’innovazione tecnologica, sono andato alla messa-convegno Bg2035 nella cappella I.Lab della nuova cattedrale del KmRosso fuori le mura, che attira fedeli e credenti nel progresso da tutto il mondo;

due note di colore (rosso, bianco) sull’edificio sacro: proprio come accadeva nella Roma barocca, quando i papi si sfidavano a facciate barocche chiamando chi il Bernini chi il Borromini,

similiter Don Bombassei ha chiamato l’archistar Nouvel per ideare il grande muro del pianto stridente dei freni arroventati, che per 900 metri è rosso, poi è arrivato Monsignor Pesenti e i suoi 100metri li ha voluti bianchi, e non occupati da un muro, ma da un tetto aereo, e per far questo chiaramente ha chiamato l’altro archistar delle cattedrali del progresso, Meier.

Nel salone convegno, il mood è lo stesso della messa in duomo, con minimo fervore, massimo torpore e molta compostezza.

A guardar bene, col gossip eye, vedi che anche le persone in effetti sono le stesse.

Con-celebranti: una sacra corona composta da reverendi pastori della congregazione degli architetti, tra i quali abbiamo riconosciuto l’archistar catto-ticinese, l’archi-badessa portoghese, lil nostro archi-sindaco e in rappresentanza dell’architetto supremo, il nostro vescovo.

Pastore officiante: il direttore del giornale della curia.

Liturgia della parola (affidata a due novizi che hanno appena preso i voti ad Harvard): l’innovazione urbana, le smart citiies e il car sharing,

cioè storie che sentiamo identiche da anni annuendo, non dissimiliter dalla lettera di san paolo ai corinzi.

Iconografia sacra: due grandi affreschi video raccontano i miracoli di santa app e santo smart, con rassicurante manierismo.

Momento clou: presentazione al tempio del bambin gesù Bergamo 2035, nato dal matrimonio tra l’università di bergamo e l’italcementi. Presente il santo rettore, e in teleconferenza il presidente della fondazione italcementi, che festeggia 10 anni (la fondazione, per il presidente aggiungi tranquillamente uno zero: una mummia, ma una mummia simpatica, comica, diversamente dalle mummie di mezza età, che interpretano il tragico).

Tutti i presenti augurano magnifiche sorti e progressive agli sposi e si rellegrano della prosperità e benessere che l’unione di queste due sacre famiglie, il sapere e il cemento, portano alla città.

Tutto intorno alla sala, in funzione chierichettes, come puttine carosellanti, una squadra di hostess d’assalto (corpi speciali!) che ogni tanto si danno il cambio della guardia, risvegliando l’attenzione.

Dopo la predica, il rito della comunione (aperitivo, catering) e l’ite missa est.

Sul sagrato, rincuorante, si rivive l’abbinamento dio-patria, con bellissimi carabinieri da parata del reggimento cinecittà.

Uscendo dal parco tencnologico, mi assale una certa malinconia:

sono venuto alla cattedrale dell’innovazione per verificare se sia diventata quello che promette d’essere ormai da molti anni, e cioè un centro di produzione del sapere,

(e per fare questo dovrebbe diventare istituzione pubblica, e non, come è ancora oggi, azienda privata di proprietà di una o due famiglie, dalle quali dovrebbe divorziare “per amore della scienza”)

e invece ho preso atto del matrimonio università-italcementi e della loro neonata creatura, Bergamo 2035.

Quasi rimpiango il buon tempo antico, quando le Università erano donne libere, nubili, che si concedevano a tutti gratis et amore dei.

 

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>